Ancora una battuta d’arresto per l’Orva Lugo che al termine di un match a senso unico esce pesantemente sconfitta per 94 a 60 dal PalaRegnani contro la BMR Reggio Emilia.

Match che inizia subito in salita per la formazione di coach Galetti che litiga con il canestro con i padroni di casa che volano sul 13-0 firmato da Germani dopo sette minuti di gioco, mentre i bianco-verdi trovano il primo canestro della gara con Fowler solo a 2’ dal termine con la BMR che chiude avanti per 18 a 7 il primo quarto.

BMR che sfruttando la scarsa vena offensiva dell’Orva, peraltro anche decisamente poco convincente in fase difensiva, allunga sino al +16 (36-20), siglato da Motta con una tripla, nel corso dei secondi dieci minuti di gioco con Reggio Emilia che andrà all’intervallo lungo in vantaggio per 40 a 24.

Al rientro in campo la musica non cambia con i padroni di casa in pieno controllo che incrementano il proprio vantaggio minuto dopo minuto sino al 61 a 39 firmato sul suono della terza sirena da una tripla di Legnini.

Reggio Emilia che, spinta dalle giocate di Losi, dilaga nell’ultimo parziale contro un’Orva tutt’altro che brillante sino a toccare il massimo vantaggio sul +35 (93-58) firmato da una tripla di Bertolini a 19” dal termine con gli Aviators che riescono comunque, seppur a fatica e non senza qualche rischio di troppo, a salvare la differenza canestri negli scontri diretti, difendendo con le unghie il +36 dell’andata, con la BMR che al suono finale della sirena s’impone per 94 a 60, con l’ex Farioli che grazia i lughesi a 3” dal termine con un 0/2 dalla lunetta.

Una sconfitta frutto di una delle peggiori prestazioni stagionali dell’Orva che, solo in parte ha la scusante delle assenze di Seravalli, Thiam e Stanzani, ma che ha pagato soprattutto la pessima giornata di gran parte dei propri effettivi in grado di poter fornire prestazioni di gran lunga migliori.

Orva che viene raggiunta in classifica dalla BMR e che ora dovrà al più presto cambiare marcia se vorrà risalire dalla parte “rossa” della classifica dove i lughesi occupano la terz’ultima posizione in coabitazione con Reggio Emilia e Bernareggio e che ad oggi vedrebbe gli Aviators ai play-out.

Il prossimo turno vedrà l’Orva ospitare sabato 10 marzo (ore 20,30) al Palabanca i Tigers Forlì.

La formazione forlivese, guidata da coach Giampaolo Di Lorenzo, reduce nell’ultima giornata dal netto successo per 77 a 60 contro i Crabs Rimini può contare su un roster di ottima fattura che annovera nelle propria fila oltre all’ex di turno Cristian Villani, elemento di grande tecnica ed esperienza, il centro Sacchettini (12,9 pt. + 5,3 rb. di media a gara), le guardie De Fabritiis (12,2 pt. + 4,6 rb.) e Carpanzano (9,9 pt. + 2,8 ass.), l’ala Papa (11,7 pt. + 1,7 rec. + 8 rb.) ed il play Battisti (10 pt. + 1,6 rec. + 4,2 ass.).

Un match che gli Aviators dovranno cercare di far proprio, contro una formazione ostica ed attrezzata quale i Tigers, contro i quali servirà una prestazione maiuscola dei lughesi al fine di invertire la rotta ed incamerare due punti che permettano all’Orva di tornare a muovere la propria classifica!!!

Missione difficile ma non impossibile per gli Aviators…

 

Athos Tampieri

 

BMR Reggio Emilia – Orva Lugo  94 – 60  (18-7; 40-24; 61-39)

BMR Reggio Emilia: Verrigni 11, Bertolini 11, Farioli 7, Dias 2, Motta 17, Legnini 11, Germani 14, Losi 21, Fontanili e Caiti n.e. All.: Eliantonio

Orva Lugo: Valentini 2, Fowler 14, Moretti 3, Filippini 9, Rubbini 7, Tynsley 9, Galassi 4, Gatto 12, Stanzani n.e., Seravalli n.e., Collina n.e. All.: Galetti

 

Pin It on Pinterest

Share This