Rimanda ancora l’appuntamento con la vittoria l’Orva sconfitta nuovamente in volata, a Rubano, contro la Virtus Padova per 84 a 73.

Match che vede la buona partenza dei lughesi che si portano sul 13 a 8, firmato dalla lunetta da Valentini, dopo 5’ prima del ritorno dei padroni di casa trascinati da Piazza che punisce qualche disattenzione di troppo della retroguardia bianco-verde, portando l’inerzia della gara a favore dei padroni di casa che chiuderanno avanti per 23 a 18 i primi dieci minuti di gioco, con l’Orva che si trova nuovamente fare i conti con la sfortuna, perdendo per infortunio (lussazione dell’alluce) Gatto.

Secondo parziale che vede sempre Padova comandare le operazioni, spinta da Schiavon, e la formazione di coach Galetti ad inseguire nel punteggio che vedrà la Virtus comandare per 45 a 36 al secondo suono della sirena.

Virtus che allunga prepotentemente nel corso del terzo periodo dove mette alle corde i lughesi, trascinata da De Zardo che firma il + 17 (62-45) massimo vantaggio dei veneti a 2’37” dal termine che pare chiudere il match, con Padova che terminerà avanti per 68 a 57 la terza frazione.

L’Orva però è ancora viva e la reazione dei lughesi giunge nel corso degli ultimi dieci minuti di gioco con gli Aviators che a 3’35” dal termine riaprono il match portandosi sul -1 (72-71) con due personali di Valentini; Orva che fallisce però per due volte consecutivamente il pallone del sorpasso con Piazza, mvp dell’incontro, che realizza otto punti consecutivi e chiude il match a 36” dal termine portando il punteggio sul 80 a 73 in favore dei veneti che concluderanno la gara sul punteggio finale di  84 a 73 in proprio favore.

Per gli Aviators una sconfitta giunta ancora una volta in volata dopo un match giocato in rincorsa per oltre trenta minuti, prima della reazione finale dove però l’Orva non è riuscita a piazzare la zampata vincente, con coach Galetti che ancora una volta si è visto costretto a dover fare i conti con un roster decimato e conseguenti rotazioni ridottissime ed una Virtus Padova in salute trascinata da un Piazza tanto ispirato quanto determinante.

Un’Orva che ha comunque lottato e mai mollato il chè lascia ben sperare per il finale di campionato dove gli Aviators sono attesi ad un’importante serie di scontri diretti per la salvezza, con i lughesi che potranno contare sul neo acquisto Luca Fowler, guardia di 192 cm., classe 1996, proveniente dal basket Patti.

Orva che nel prossimo turno ospiterà al Palabanca, sabato 17 febbraio (ore 20,30) l’Aurora Desio, guidata dal tanto esperto quanto preparato coach Fabrizio Frates, in un match dove sono in palio pesantissimi punti salvezza.

La formazione lombarda ha nel play Fumagalli (15,4 pt. + 5,2 rb. + 3,2 ass. di media) e nella guardia Perez (13,7 pt. + 5,2 rb. + 2,2 ass.), giustiziere dei lughesi all’andata, i più temibili terminali offensivi, ma può contare anche sulla guardia Casati (7 pt.), sulle ali Fiorito (9,3 pt.), buon tiratore dall’arco dei tre punti, Brown (6 pt. + 5,2 rb.) e Mazzoleni (5,5 pt. + 2,2 ass.) oltre al centro Corti (5,8 pt.).

Un match dove l’Orva è attesa ad una prova maiuscola con l’imperativo di vincere al fine di riscattare la sconfitta di misura patita all’andata e riprendere la propria corsa verso la salvezza!!!

 

Athos Tampieri

 

Virtus Padova – Orva Lugo  84 – 73  (23-18; 45-36; 68-57)

Virtus Padova: Schiavon 18, Buia, Calzavara 2, Miaschi 6, Piazza 30, Visentin, Maresca 4, De Zardo 14, Crosato 10, Pellicano e Tognon n.e. All.: Rubini

Orva Lugo: Valentini 16, Moretti 4, Stanzani 10, Filippini 22, Rubbini 7, Tynsley 3, Galassi 6, Gatto 5, Collina n.e., Mihajlovski n.e., Cervellera n.e. All.: Galetti

Pin It on Pinterest

Share This