Una buona Orva viene beffata in volata da Crema che, al Palabanca, al termine di un match tiratissimo, intenso e vibrante espugna il campo dei lughesi per 79 a 76.

Orva che prova ad imporre il proprio ritmo al match sin dalle battute iniziali con gli ospiti che replicano colpo su colpo alle giocate dei bianco-verdi, spinti dalle triple di capitan Seravalli che regala il primo allungo all’Orva dopo 8’ sul 20-14, con la formazione di coach Galetti che chiuderà avanti per 24 a 20 i primi dieci minuti di gioco.

Crema che in apertura della vivacissima seconda frazione di gioco approfitta di qualche passaggio a vuoto dell’attacco lughese per allungare sul 31 a 26 con due personali di Del Sorbo; il ritorno dei padroni di casa che rimettono la testa avanti a 3’ dal termine porta la firma di Rubbini con la tripla del 34-33, prima del nuovo sorpasso ospite a novanta secondi dal termine grazie all’ottimo Paolin (36-38) con i lombardi che chiuderanno sul 40 a 37 i primi equilibratissimi venti minuti di gioco.

Equilibrio che la fà da padrone anche nel corso del terzo periodo di gara con Lugo che rimette la testa avanti a 7’20” dal termine con due tiri liberi di Moretti. Vantaggio che gli Aviators manterranno per tutto il corso della frazione, trascinati dagli ottimi Seravalli e Filippini, senza però riuscire a trovare un allungo significativo, pur giocando un buon basket, con Crema sempre in scia all’Orva che chiude sul 61 a 60 al terzo suono della sirena.

Orva che trova il massimo vantaggio negli ultimi dieci minuti del match a 7’27” dal termine grazie ad un gioco da tre punti di Tynsley che firma il +7 (67-60) lughese, ma con gli Aviators che nel mentre perdono per infortunio (rottura del tendine di Achille!!!) capitan Seravalli.

L’attacco lughese perde di efficacia e Crema, confermatasi formazione di ottimo spessore, ne approfitta prima per impattare sul 72-72 a 2’54” dal termine con Bianchi in contropiede e nell’azione successiva per trovare il nuovo vantaggio sul 74 a 72 con Paolin; l’Orva non ci stà, Filippini realizza quattro punti consecutivi regalando il sorpasso agli Aviators (76-74) a novanta secondi dal termine, prima di un’antisportivo sanzionato allo stesso Filippini che permette agli ospiti di trovare quattro pesantissimi punti con un personale di Poggi e la successiva tripla mortifera di Dagnello a 1’ dal termine che porta il punteggio sul 78 a 76 in favore dei lombardi con Lugo che fallisce per due volte il pallone del pareggio, collezionando altrettante palle perse, con Paolin che a 4” dal termine realizza il personale del definitivo 79 a 76 per Crema, con gli Aviators che sul suono finale della sirena falliscono la tripla della disperazione del possibile overtime.

Orva che esce dal campo a testa alta ma con l’amaro in bocca per aver lasciato sul campo un successo tanto prestigioso contro una big del campionato, quanto prezioso per la propria classifica, sia per l’infortunio occorso a capitan Seravalli.

Successo che pareva decisamente alla portata della formazione di coach Galetti, capace di giocare alla pari contro un’avversaria solida e quotata, a cui è mancata però un pizzico di lucidità, freddezza e fortuna!!!

Orva che nel prossimo turno farà visita domenica 28 gennaio (ore 18,00) al Flaminio ai Crabs Rimini, formazione diretta rivale per la salvezza dei lughesi e che stà attraversando un buon momento di forma in un match dove sono in palio preziosi punti salvezza con gli Aviators in cerca di riscatto dopo il passo falso interno contro Crema.

 

Athos Tampieri

 

Orva Lugo – Pall.Crema  76 – 79  (24-20; 37-40; 61-60)

Orva Lugo: Tynsley 5, Galassi 1, Seravalli 23, Filippini 25, Moretti 10, Stanzani 1, Rubbini 9, Thiam 2, Gatto, Valentini n.e., Cervellera n.e., Collina n.e. All.: Galetti

Pall.Crema: Dagnello 14, Del Sorbo 15, Poggi 13, Paolin 19, Ferraro 10, Bianchi 6, Amanti 2, Ciaramella n.e., Benzi n.e., Gazzillo n.e. All.: Salieri

Pin It on Pinterest

Share This