L’Orva supera al Palabanca per 92 a 72 la Gordon Olginate nella prima gara del girone di ritorno e trova dentro la calza due punti preziosissimi!!!

Primo quarto di gara all’insegna dell’equilibrio con entrambe le formazioni che procedono a braccetto nel punteggio con l’Orva che conduce con vantaggi minimi, chiudendo i primi dieci minuti di gioco avanti per 17 a 16.

Aviators che in avvio della seconda frazione chiudono con Thiam un parziale di 9-0 che porta l’Orva a condurre di dieci lunghezze (26-16) al 13’ con Olginate che replica ai padroni di casa trovando il -1 (32-31) con Siberna a 2’20” prima del suono della seconda sirena che vedrà la formazione di coach Galetti andare all’intervallo lungo in vantaggio per 37 a 33, dopo una prima parte di gara combattuta ma con il match ancora senza un padrone.

Al rientro in campo la Gordon trova immediatamente il pareggio sul 39-39 sulla tripla di Colnago, con la gara che procede sui binari dell’equilibrio sino a 5’44” dal termine quando prima un fallo antisportivo ed il successivo fallo tecnico per proteste sanzionati a Todeschini costringono il play della squadra ospite ad abbandonare anzitempo il terreno di gioco con l’Orva che dapprima realizza i tre personali con Seravalli e nell’azione successiva la tripla di Tynsley riporta il vantaggio dei lughesi in doppia cifra (54-44) con l’inerzia del match a favore dei padroni di casa; Olginate non molla ed in cento secondi rientra in partita sfruttando il secondo fallo antisportivo sanzionato a Seravalli, costretto anch’essi a lasciare il campo di gioco, dapprima con Siberna dalla lunetta e successivamente con Tagliabue che a 4’ dal termine realizza il canestro del -3 (54-51), con la partita che ritorna nuovamente in equilibrio, con l’Orva che chiuderà comunque avanti per 63 a 57 il  terzo periodo.

Match che decolla definitivamente negli ultimi dieci minuti con le giocate di Galassi e Tynsley che spingono l’Orva, complice anche l’ottima regia di Rubbini,  verso il successo con la formazione di coach Galetti che a 4’ dal termine chiude definitivamente il match toccando il massimo vantaggio sul +22 (86-64) siglato da Rubbini dall’arco dei tre punti, con gli ultimi minuti di gioco che serviranno solo a definire il punteggio finale che premia meritatamente l’Orva per 92 a 72.

Un successo importantissimo sia per la classifica che per il morale dell’Orva, che oltretutto ribalta anche la differenza canestri nello scontro diretto contro la Gordon in caso di arrivo a pari punti in classifica, giunto al termine di un match comunque combattuto contro un’ottima formazione, frutto di una buona prova generale sia in fase offensiva e soprattutto in difesa dove la retroguardia lughese è apparsa decisamente solida e concreta per tutto l’arco dei quaranta minuti di gioco.

Orva che nel prossimo turno sarà impegnata domenica 14 gennaio (ore 16,00) nella trasferta più lontana del campionato, in quel di Palermo, contro il Green Basket, rinforzatosi con l’arrivo dell’ex guardia lughese Luca Montanari, in un match che nasconde molteplici insidie per gli Aviators chiamati comunque a confermare il buon momento di forma e quanto di buono messo in luce contro Olginate.

 

Athos Tampieri

 

Orva Lugo – Gordon Olginate  92 – 72  (17-16; 37-33; 63-57)

Orva Lugo: Tynsley 16, Galassi 14, Mihajlovski, Seravalli 17, Filippini 2, Moretti 4, Stanzani 12, Cervellera, Rubbini 18, Thiam 9, Gatto, Valentini n.e. All.: Galetti

Gordon Olginate: Siberna 19, Todeschini 6, Tagliabue 5, Rota 6, Colnago 17, Bassani 15, Maver, Seck 4, Moretti, Butta n.e. All.: Galli

Pin It on Pinterest

Share This